Restart Italia!

Sulla pagina web del Ministero dello Sviluppo Economico è stato pubblicato il rapporto “Restart, Italia!” (TESTO INTEGRALE), frutto della task force sulle startup istituita dal ministero dello Sviluppo Economico guidato da Corrado Passera. Presentato a Roncade (Treviso) nell’incubatore tecnologico H-Farm, il rapporto è stato coordinato da Alessandro Fusacchia con la collaborazione di professionisti ed esponenti dell’universo digitale.

Gli elementi principali proposti dalla bozza relativamente alla Startup Innovativa sono :

Capitale per almeno del  51% composto da persone fisiche, fatturato minore di 5milioni di euro,  attività esistente da non più di 48 mesi;

  • nessuna  distribuzione degli utili, contabilità trasparente (con pagamenti elettronici dettati dalle norme antiriciclaggio), oggetto sociale su sviluppo di prodotti/servizi innovativi ad alto livello tecnologico;
  • pagamento di Iva e Ires solo al termine di ogni esercizio contabile per cassa e non più per competenza; la nascita della nuova “iSRL”  (la “i” significa “innovazione”) semplificata online con uno statuto a costo “zero”, grazie all’abbattimento dei costi relativi all’iscrizione al Registro delle Imprese (spese di bollo, diritti di segreteria, ecc.) attraverso l’ “autocertificazione”;
  • realizzazione di un Contamination Lab per promuovere l’incontro tra studenti universitari e neolaureati per la creazione di percorsi imprenditoriali attraverso uno spazio dedicato, risorse digitali, accesso a banche dati, networking con professionisti, startupper ed investitori, anche attraverso una piattaforma dedicata;
  • piano per la costituzione di Startup Ecosostenibili  attraverso un Fondo di 50 milioni di euro destinati ad un cofinanziamento dei progetti da parte del Governo per una quota che va dal 30% al 70% previsti già dal prossimo mese di novembre;
  • disciplina del  “work for equity” che consiste nell’accesso a collaborazioni esterne entrando nel capitale sociale delle startup e in  collaborazioni interne e prevedendo la stipula di un primo contratto di 48 mesi che, successivamente, verrà trasformato in un contratto a tempo indeterminato.

Gli elementi principali di “Restart, Italia!” sono basati sulla meritocrazia e sul fare impresa più facilmente, inoltre viene citato anche l’interessante tema del  “crowdfunding”, tutti questi  principi proveranno ad incentivare i giovani alla riscoperta di un nuove vie d’accesso al mercato imprenditoriale.

 

 

One thought on “Restart Italia!

  1. Pingback: Start Up Innovative, Requisiti e Vantaggi | Simplify the Law

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...